martedì 3 gennaio 2017

Recensione "Vietato leggere all'inferno" di Roberto Gerilli

Ciao a tutti miei cari lettori, sono tornata ieri dalle mie vacanze, rilassata e carica, per iniziare con il piede giusto questo nuovo anno.
E come promesso ecco la prima recensione di questo nuovo anno


 
Titolo:

Vietato leggere all'Inferno

Autore: Roberto Gerilli
Editore: CreateSpace Independent Publishing Platform
Prezzo Cartaceo: €12.90
Prezzo Ebook: Gratis

Trama:
" Mi chiamo Amleto Orciani e sono un libromane. Ho trentacinque anni e mi faccio dall’età di dodici, quando la lettura era ancora legale. Ho iniziato per scherzo con L’isola del tesoro e non ho più smesso. Leggere è la prima cosa a cui penso quando mi sveglio e l’ultima prima di andare a dormire. Sono talmente assuefatto da conoscere il significato di parole come paradosso, pennivendolo e opulenza. Insomma, uno sniffa-inchiostro senza speranza. Vivo vicino ad Ancona, lavoro come inserviente in un discount di bricolage e arrotondo spacciando romanzi alla gente della zona. La mia vita non è un granché, ma mi ci trovo. Il problema è che vorrei avere più soldi, per questo accetto di aiutare Eleonora. La ragazza è brava, ma così folle da voler cambiare il mondo dell’editoria da sola. Per seguirla mi tocca coinvolgere amici discutibili e incontrare gente che preferirebbe vedermi morto (il Bibliotecario ti dice niente?). Meno male che ho dalla mia Caterina, una camgirl con un secondo lavoro ancora meno presentabile del primo, però non sono sicuro mi possa salvare il culo, stavolta. Se ne esco vivo, giuro che smetto di leggere. Forse. Vietato leggere all’inferno racconta la mia storia. Non insegna qualcosa che vale la pena conoscere, non ci sono buoni sentimenti o altre cazzate ma per sballarsi con gli amici è perfetto. Provalo, e fammi sapere se funziona. "

Recensione:

Finalmente, dopo avervelo nominato diverse volte, sono riuscita a finire questo libro e devo dire che sono molto triste di dover salutare tutti i personaggi che ho imparato a conoscere così bene.
"Vietato leggere all'inferno" è una storia avventurosa, divertente ma anche ricca di significati nascosti.
La vicenda è ambientata in una realtà distopica, dove i libri sono stati vietati per legge e vengono considerati una droga, non esistono più le librerie, le biblioteche e neppure le trasposizioni cinematografiche di un libro vengono accettate.
Il mondo creato da Gerilli è molto ben strutturato, e segue gli schemi che ci sono per lo spaccio di droga adattandoli al mondo dei libri.
I tossicodipendenti sono i Libromani (o sniffa-inchiostro), gli spacciatori vendono paragrafi o libri interi e i trafficanti sono gli Editori, pericolosi criminali potenti e senza scrupoli.


Amleto, il protagonista e narratore, è cresciuto in questo ambiente e per tutta la vita si è sentito un emarginato per via della sua dipendenza, ha frequentato diversi gruppi di recupero ma non è mai riuscito a vincere la sua assuefazione ai libri, per questo svolge il lavoro di inserviente in un grande magazzino e cerca di mimetizzarsi tra le persone "normali".
Questo finché una strana ragazza di nome Eleonora non lo coinvolge in un folle progetto e lo trascina in una pericolosa avventura nella parte più oscura del mondo dello spaccio di libri.
Fortunatamente a guardare le spalle del nostro protagonista c'è la sua amica di sempre, Caterina, che grazie al suo "secondo" lavoro si dimostra una perfetta guardia del corpo.



La storia è ricca di scene adrenaliniche, sparatorie e colpi di scena, ma è scritta in un modo ironico e divertente, non so come Gerilli sia riuscito a far convivere la drammaticità e l'azione con l'ironia e la comicità, ma ci è riuscito egregiamente.
Inoltre, nella storia sono presenti moltissime citazioni che danno un tocco poetico alla narrazione e riescono a trasmettere al lettore la sensazione di essere "strafatto di letteratura".
La realtà descritta inizialmente mi ha fatta ridere per la sua assurdità, però mano a mano che mi immergevo nel romanzo ho notato delle pericolose somiglianze con la realtà odierna.
Non so voi cari lettori, ma a me è capitato diverse volte in passato di sentirmi un'emarginata per via della mia passione per i libri e sono stata  anche derisa da i miei compagni  e per questo per molto tempo non ne ho parlato con nessuno e me ne sono addirittura vergognata, ma non sono mai riuscita a smettere di leggere, proprio come succede ad Amleto.
Questo è un libro adatto a tutti i tipi di lettore, perche è scritto proprio per noi che amiamo i libri, in fondo essi sono per noi una vera droga, ci provocano dipendenza, ci fanno estraniare dalla realtà ed alterano il nostro stato emotivo, ma fortunatamente qui i libri sono legali.
 




Giudizio:



Personaggio Preferito:
Adoro Amleto per il suo lato ingenuo ed un po' imbranato (soprattutto se paragonato alle sue due compagne di avventura) inoltre ha un' ironia irresistibile, è il personaggio nel quale mi sono identificata di più.
Ma un posto molto importante nel mio cuore lo ha anche Caterina, lei è spietata, volgare e lancia continue frecciatine al povero Amleto, ma è anche un'amica leale, sincera ed un personaggio indimenticabile.




6 commenti:

  1. Wow! Sembra davvero bello :) Lo inserisco in lista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fatto bene! a me è piaciuto proprio tanto!

      Elimina
  2. L'ho anch'io nel mio kindle, prima o poi lo leggerò :D

    RispondiElimina
  3. Ho adorato questo romanzo, originale e scritto benissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono della tua stessa opinione! ho adorato ogni pagina di questo originalissimo romanzo

      Elimina